Notizie di M…otori – 2 Aprile 2017 – BMW polacche, Ferrari elettriche e caschi per gattini!

LO STRANO CASO DELLA BMW TARGATA “GOVERNO” NON E’ ALTRO CHE UN EQUIVOCO


Qualche giorno fa gli automobilisti che percorrevano l’A4 nei pressi di Verona hanno intasato il centralino della polizia, nonché il social, per l’avvistamento di una 740Li senza targa, ovvero con una targa arrangiata con cartoncino e scotch. La curiosità è che sulla targa c’era scritto “GOVERNO“. Quindi sono state fatte diverse ipotesi: che fosse un’auto blu, subito scartata. Che la Serie 7 a passo lungo fosse stata rubata, c’è chi l’ha pensato. E subito ha associato questo caso a quello di un’altra auto tedesca, una Audi RS4 gialla che tutti ricorderete…
In realtà, pare che la stradale abbia intercettato l’ammiraglia bavarese. E’ di un cittadino polacco che ha smarrito la targa, e che l’ha regolarmente denunciata. La targa è personalizzata, cosa che teoricamente si potrebbe fare anche in Italia con pochi soldi. La mia sarebbe CA 220 NE.

 

IL COFANO (QUELLO ANTERIORE NATURALMENTE) DELLA HURACAN PANTERA E’ IL POSTO MIGLIORE PER RAFFREDDARE LO SPUMANTE

Sboccing like no tomorrow
Qualche giorno fa nella flotta dei vigili milanesi è entrata a far parte una 458 Italia sottratta alla criminalità organizzata, e Lamborghini ha consegnato l’ennesima V10 alla polizia stradale italiana. E’ una Huracan, ed è probabilmente la pattuglia più bella del mondo. Non sarà mai utilizzata per gli inseguimenti, probabilmente. Per quelli esistono le Skoda Octavia diesel. Però avrà una funzione ancora più nobile: verrà usata per il trasporto organi. E per questo nel cofano anteriore è stato ricreato una sorta di frigo-box. Non sarebbe male renderlo disponibile anche nelle vetture per i civili: è risaputo che chi ha una Lambo ama le bollicine, quelle costose naturalmente.

IN SUDAFRICA UNA LAFERRARI RISCHIA LA PENA DI MORTE

Se fosse stata targata, al proprietario avrebbero dato almeno 2mila euro di incentivo per comprarsi una Punto a gas.
MdM per il sociale. Una nostra connazionale, originaria di Maranello, rischia la pena di morte in Sudafrica per essere stata portata illegalmente nel paese. Ok, parliamo chiaro. La connazionale in questione è una Ferrari LaFerrari, iper-auto rarissima e iper-costosissimissimissima. E il suo proprietario, sudafricano, ha provato tre anni fa a portarla nel paese, ma ha avuto problemi alla dogana. Infatti avrebbe dovuto pagare una serie di tasse, una cifra irrisoria in confronto al prezzo dell’auto. Ma avrebbe deciso di non farlo, cercando un modo per importarla senza pagare. Ma nel frattempo l’auto è rimasta in custodia alla dogana, e mai utilizzata. Ma meglio lì che per strada: infatti in Sudafrica non è possibile importare auto con la guida a sinistra dal 2004. Tutte le auto che non rispettano questo requisito vengono per legge rottamate. E questa LaFerrari indovinate da che lato ha il volante? Non è ben chiaro che fine farà realmente quest’auto, e questa storia è parecchio strana: è improbabile che un uomo spenda milioni per un’auto sapendo di non poterla importare e si rifiuti inoltre di pagare una tassa sull’importazione da poche centinaia di dollari. Se sapremo altro vi terremo aggiornati.

INCROCIATE LE DITA: FORSE SONO FINITI I FAST AND FURIOUS

Probabilmente se avessero un parrucchino sarebbero meno scorbutici.

F&F è un franchise miliardario. Ogni volta che esce un episodio i cinema si riempiono, il che di questi tempi è raro. Episodio dopo episodio, il budget aumenta, ma la trama si fa sempre più stupida. Il quinto episodio è stato l’ultimo che avesse un minimo di senso e legame con l’originale. Poi qualcuno ha deciso che la banda di Toretto, che una volta rapinava camion per rubare televisioni a schermo catodico, aveva il talento giusto per diventare un team di supereroi salvatori della patria. Così l’attenzione è passata dalle auto alle armi e ai carrarmati. Vin Diesel aveva parlato, dopo la morte di Paul Walker, della possibilità che la serie arrivasse fino al decimo episodio. Eppure la “famiglia” che tanto appare unita negli ultimi film, pare che in realtà si sia spaccata. I due pelatoni della banda, ovvero Vin Diesel e Dwayne “The Rock” Johnson, avrebbero litigato nella vita reale. Chissà se si sono picchiati, sarebbe curioso. Quello che si sa è che Vin Diesel non vuole più lavorare con The Rock, e che The Rock ha chiamato Vin Diesel in pubblico qualcosa che tradotto significa “Merda di pollo”. Non credo ci mancheranno.

LA PRIMA AUTO DA CORSA CHE HA COME SPONSOR… UN PRODUTTORE DI MARIJUANA

Non saranno solo le gomme a fumare…
Ebbene sì, se si possono avere marche di sigarette, perché non si può avere il marchio di un importante produttore e distributore di Marijuana? Naturalmente, laddove è legale. Qui parliamo degli Stati Uniti, dove la cannabis è stata legalizzata in più di 26 paesi, in alcuni dei quali per uso medico. Così Shango, azienda leader nel settore delle J, ha deciso di sponsorizzare il pilota Danny George, che correrà con una spettacolare BMW E36 “Shango” nella Formula Drift. Per esperienza posso dire che fumo e guida insieme sarebbero da evitare, speriamo che George non sfattoni mentre sovrasterza.
Noi avremo la nostra Fiat Tipo MdM Racing con la livrea e il cellulare di Franchino, il nostro spaccino.

30 ANNI DOPO LA MORTE DEL DRAKE, QUALCUNO VOLEVA RUBARE LA SUA SALMA


No, non è l’Anonima sequestri. Ma una banda di trafficanti di droga e di armi, che ha deciso di spostarsi in un settore di mercato in concorrenza monopolistica: quello del furto di morti. Una storia già sentita negli scorsi anni: basti pensare al cadavere di Mike Bongiorno, trafugato sei anni fa nel tentativo di ottenere un riscatto.
Stavolta però l’obiettivo non era un ex-conduttore televisivo, ma un pioniere delle supercar, il creatore di un impero che oggi vale in borsa 15 miliardi e che è destinato a salire. L’uomo in questione è Enzo Ferrari. La polizia di Nuoro ha scoperto i piani di alcuni malviventi sardi, solitamente dediti al contrabbando, di trafugare la salma di Enzo e chiedere un riscatto alla famiglia (Piero Ferrari ha il 10% delle quote, quindi non se la passa male).

A UN ANNO E MEZZO DAL DIESELGATE, AUDI RIAPRE IL FASCICOLO “FORMULA 1″…

Chissà, un bel naftone in Formula 1…
Prima che l’EPA scoprisse una delle più grandi truffe dell’ultimo secolo, quella dei diesel truccati (che molto probabilmente non riguarda solo Volkswagen), il gruppo VAG stava facendo dei riposizionamenti nel Motorsport. Con Porsche di nuovo a Le Mans, aveva poco senso creare una concorrenza fra due marchi dello stesso gruppo. Così Audi si sarebbe spostata in Formula 1, probabilmente con RedBull con la quale aveva collaborato in altre occasioni. Poi però la batosta: miliardi e miliardi di multe da pagare, e i piani di F1 erano saltati. Oggi invece pare sia intenzionata a entrare nel circus, ma non è ben chiaro se come fornitrice di motori o acquisendo parte del team Sauber.

… E INVECE FERRARI E’ INTERESSATA ALL’ELETTRIFICAZIONE.

Bellissimo questo rendering fatto da qualche nerd brufoloso del web.
E’ alquanto improbabile che il binomio Ferrari-Formula1 venga scisso, ma una cosa è certa: se una volta Marchionne esprimeva apprezzamenti verso la neonata Formula E, seppur con qualche riserva per quanto riguarda il regolamento (che impone di cambiare la vettura nel mezzo della gara); oggi sembra proprio convinto della necessità di Ferrari di entrare a farne parte. Perché il futuro della Ferrari è ibrido, e c’è bisogno di sviluppare auto da corsa elettriche. Aggiungendo a questa dichiarazione l’interesse nel far tornare Alfa Romeo in Formula 1, si potrebbero fare diverse ipotesi, che preferiamo lasciare al bar sport.

IL PESCE D’APRILE PIU’ BELLO LO HA FATTO LOTUS

Ogni Lotus, avendo come caratteristica l’estrema leggerezza, assicura uno scatto felino.
Si, ieri era il primo aprile e tutti quanti, noi compresi (avete visto la Multipla 2017?) si sono divertiti a fare scherzetti. Lotus ha pubblicato una news riguardante lo sviluppo di alcuni caschi, fatti apposta per i gatti. E a noi di MdM piacciono nell’ordine: macchine, moto, mtette e i gattini. Quindi per noi il premio per lo scherzo più bello va a Lotus.

Comments

comments

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi Visualizza Dettagli

https://www.google.com/about/company/user-consent-policy.html

Chiudi