NdM – Notizie di M….otori – 5 Febbraio 2017

VOLKSWAGEN NUMERO UNO AL MONDO. NEL DIRE BUGIE.

Si, è ufficiale: il gruppo VAG ha scavalcato Toyota nella classifica dei gruppi che vendono di più. Questo obiettivo era stato posto per il 2018 e poi posticipato, e sembrava ancora più difficile da raggiungere dopo lo scandalo Dieselgate. Eppure dopo anni di scorrettezze venute a galla, le vendite Volkswagen non sono diminuite, al contrario.
Ma l’atmosfera nel gruppo VW non è rose e fiori. La direttrice degli affari legali di VW, che era “in prestito” dalla Mercedes per aiutare il colosso dopo lo scandalo, si è rifiutata di proseguire il suo lavoro alla VW. Questo è probabilmente dovuto al fatto che il lupo ha perso il pelo ma non il vizio, che è più o meno ciò che ha commentato il presidente della Bassa Sassonia a proposito della nuova gestione Muller.

ALLA UPS HANNO INVENTATO UN METODO DI RISPARMIO CARBURANTE MEMORABILE
Come noto, ogni azienda paga una tassa sull’inquinamento. E un’azienda di spedizioni come UPS, che inquina molto su strada, doveva trovare una soluzione per poter mandare tutti quegli Sprinter in giro per il mondo.
Quindi hanno programmato i navigatori satellitari in modo da eliminare le svolte a sinistra. Perché mai, direte voi.
Perché girando a sinistra è più probabile dover aspettare un’altra auto che ha la precedenza. Questo significherebbe rallentare ed eventualmente fermarsi, restare qualche secondo fermo a motore acceso, dare una sgasata e ripartire. SOSSOLDI!
Con questa tecnica risparmiano 38 milioni di litri di benzina l’anno, inquinano ventimila tonnellate di Co2 in meno e consegnano centinaia di migliaia di pacchi in più. Però il tizio che ha pensato a questa cosa dev’essere uno che fa poco, poco sesso…

LA PREOCCUPANTE OMBRA DEL SUV FERRARI TORNA A SORPRESA IN UN’INTERVISTA
Marchionne è solito dare informazioni alla stampa e poi ritrattare. Più volte ha detto che non ci sarebbe mai stato un suv Ferrari, ma qualche giorno fa ha dichiarato che Ferrari ha la liquidità necessaria per entrare in segmenti finora inesplorati. Come si collegano le due cose? Beh, semplice: a Maranello non hanno mai “esplorato” il segmento dei fuoristrada.
Quindi incrociamo le dita e speriamo invece che mettano in produzione l’altra Ferrari che non vogliono mai fare: la Dino.
Ah, e vorrebbero anche acquisire una quota di Formula 1.

DEI LADRI RUBANO L’EQUIVALENTE DI 4 MILIONI DI EURO.. IN MOTORI
Alcuni ladri sono entrati di notte nello stabilimento della Jaguar-Land Rover a Solihull, in Inghilterra. E hanno rubato tanti, ma tanti motori. L’equivalente di quattro milioni di euro, o 3,7 milioni di dollari. E pare lo abbiano fatto con una facilità sconcertante, nonostante le telecamere, i cancelli e i guardiani di uno dei gruppi industriali più importanti d’Inghilterra. Good job!

L’EURONCAP COMPIE VENT’ANNI. I RISULTATI SI SONO VISTI.
L’associazione che dà una valutazione sulla sicurezza delle auto che guidiamo ha diffuso un video per autocelebrarsi, in cui mostra le differenze fra un’auto in commercio nel 1997 e una dei giorni nostri: eccolo.
In un incidente uscirai fuori dall’auto con qualche spellatura e taglietto, dall’altra non uscirai con le tue gambe. Indovina qual è quale.

R.I.P. PHANTOM
Annunciamo con tristezza la fine della produzione della Rolls Royce Phantom VII e del suo 6.75 V12 aspirato.
Ne danno il triste annuncio i vertici BMW. Lascia in gamma Ghost, Wraith e Dawn, che non sono altro che Serie 7 ammycousinate. Alla famiglia si stringono con calore e affetto la regina d’Inghilterra, tutti i rapper della East Coast, David Beckham, Zio Paperone e Donald Trump.

A PROPOSITO DI DONALD TRUMP

Beh, lo saprete perché ne stanno discutendo tutti: il presidente eletto ha bandito dagli Stati Uniti rifugiati da sette paesi. Che c’entra con i motori? Nulla. Ma l’amministratore delegato della Ford, Mark Fields, si è dichiarato contrario alla scelta di Trump. Il fondatore di Uber, Travis Kalanick, si è dimesso dal consiglio per le questioni economiche dell’amministrazione Trump dopo il bandimento dei rifugiati. Questa azione gli è costata 200mila clienti Uber, che hanno cancellato l’app dal cellulare.
Però alcuni grandi manager dell’automotive come Elon Musk (Tesla) e Mary Barra (General Motors) discuteranno di persona con Trump sulla questione, pur  non tirandosi indietro dal consiglio. Evidentemente, a conti fatti, conviene più stare nella barca che fuori. Elon Musk, che è un immigrato sudafricano, ha precisato di non essere d’accordo con la decisione di Trump, ma che continuerà a dare consigli per “una giusta causa”. Sarà collegato al fatto che da dopo le elezioni il prezzo delle azioni Tesla è aumentato del 40%?

UN BAMBINO NATO DA GENITORI BELLI QUASI SICURAMENTE NASCE BELLO.
MCLAREN E BMW TORNANO INSIEME.

Dopo le voci di una probabile collaborazione per la progettazione di un telaio in compositi, arriva un’ufficialità. Grazie a fondi pubblici (!!!!11!11!!!1!!) del governo britannico, BMW e McLaren lavoreranno a nuove tecniche di combustione per aumentare la potenza dei motori e ridurre le emissioni.
Vi ricordate l’ultima volta che hanno collaborato? Erano gli anni ’90, e BMW fornì alla McLaren il motore V12 della Serie 7, completamente stravolto, per creare l’auto che avrebbe umiliato tutta la scena delle supercar: la McLaren F1.

A HORACIO PAGANI NON PIACE IL ROSSO FERRARI.

Che Horacio Pagani amasse le auto era abbastanza chiaro: dalla sua mente sono nate Zonda e Huayra, alcune fra le supercar più belle degli ultimi vent’anni. Ma la cosa più bella del signor Pagani è che ama anche altre auto oltre alle sue. La sua collezione vanta una Carrera GT, una 918 Spyder, una Ford GT del 2005 (ma ha in arrivo anche la nuova). Questa settimana Orazio ha ritirato una 911 R e, a quanto pare, anche la F12 Tdf di cui aveva parlato in una famosa intervista. Ebbene, di che colore poteva essere? Argento Nurburgring? Giallo modena? Blu Abu Dhabi? No, una Ferrari dev’essere rossa. Solo che Pagani ha richiesto un rosso molto particolare: rosso Dubai. Che fa parte del catalogo Pagani. Horacio, ma così è come andare al ristorante e portarsi il parmigiano da casa…

ANCHE LA PROSSIMA 911 STRADALE POTREBBE ESSERE A MOTORE CENTRALE
untitled
La scorsa settimana avevamo parlato della 911 RSR per il 2017 e del suo scandaloso motore centrale. Una 911 deve avere il motore a sbalzo.
Ecco, ora ho una brutta notizia per voi. Dovete sapere che fino all’anno scorso Porsche aveva in cantiere una supercar a motore centrale, per la quale aveva registrato il nome 960. Avevano da anni in mente di produrre un’auto del genere e condividerne parti con la R8 e la Huracan. Dopodiché alla Porsche avevano deciso di non metterla in produzione ma lasciare la Turbo come alternativa alle Ferrari e Lamborghini.
Oggi potremmo aver scoperto la triste verità: pare che la prossima 911 avrà parti in comune con le prossime R8 e Lamborghini V10. Il che potrebbe comportare lo spostamento del motore dall’altro lato delle ruote posteriori. Queste sono solo speculazioni, ma già sento i puristi bestemmiare..

LA MILLECAVALLI L’E’ QUASI REALTA’

La Mazzanti Evantra ve l’avevamo fatta vedere in una diretta che ci è quasi costata la pelle..
L’è una supercar pisana ‘he monta un mega V8 Horvette e ha le “suicide doors” home le Rolls a du’ porte.
Ma di recente è stata annunciata una versione ‘he al posto de’ precedenti 700 havalli, potenza ch’oggi giorno si pole trova’ anche su una berlina, ne ha 1000 – ‘ho’ l’aiuto d’un par di thurbo.
Qualche giorno fa  stato avvistato un muletto: vuol dire ‘he dalla teoria stanno passando alla pratiha. E allora, in bocca al lupho!

Comments

comments

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi Visualizza Dettagli

https://www.google.com/about/company/user-consent-policy.html

Chiudi