Fiat 850 Spider ’65 :l’auto dell’evasione

Stasera parliamo di un’auto che è rimasta nei cuori degli italiani : la Fiat 850 Spider del 1965, elegante piccola cabriolet che completava la gamma delle “Fiat 850” dell’epoca.
850spider1
L’auto dell’evasione e del riscatto alle porte degli anni ‘70, finalmente non più solo alla portata dei ricchi acquirenti di spider dai marchi blasonati, con un prezzo di listino di “sole” 1.050.000 lire : colorata, briosa e orientata verso una clientela giovanile, fu un successo commerciale, in Italia come in Europa e persino (e innanzitutto) negli U.S.A. (dove venne venduta in una speciale versione modificata per gli standard americani, la “America”, per l’appunto) , tanto da guadagnarsi l’appellativo di “Little Ferrari” sul suolo statunitense.
850spider2

Ideata, progettata e assemblata da Bertone (padre della famosa Corvair e dell’Alfa Romeo 2600, da cui trae ispirazione) e disegnata da Giugiaro, verrà poi affiancata da una versione “lusso” più rifinita e venduta direttamente dalla stessa Bertone.

Stessa motorizzazione della normale Fiat 850 berlina ma con potenza portata a 49 CV e velocità max di 145 km/h, che insieme alla sicurezza dei freni a disco anteriori le regalavano prestazioni forse non esagerate come la linea lasciava intendere ma sicuramente più che briose e perfette per il pubblico a cui era rivolta.
850spider3
Un pezzo di storia e di design Nazionale davanti al quale non possiamo fare altro che toglierci il cappello.
The following two tabs change content below.

Comments

comments

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi Visualizza Dettagli

https://www.google.com/about/company/user-consent-policy.html

Chiudi