Amphicar (770) : la cabriolet che sapeva essere anfibia

Oggi parliamo di un’auto unica nel suo genere : l’Amphicar 770.

Sulla terraferma, una piccola cabriolet.
Nell’acqua, un vero e proprio veicolo anfibio.

amph3

La carrozzeria in acciaio (la parte inferiore è spessa poco meno di 2 mm!) è completamente saldata e impermeabile e riveste un telaio tubolare, mentre le portiere sono dotate di un sistema a guarnizione doppia per permettere l’immersione.
La pompa di sentina, invece, si trova nel vano motore, per asportare eventuali infiltrazioni d’acqua dagli assali (tra l’altro è proprio l’assale anteriore a fare da “timone” nella navigazione), mentre il serbatoio in plastica si trova sull’asse posteriore.

Curiosità : in Germania per guidare la Amphicar in acqua è necessaria la … licenza nautica da diporto!
L’Amphicar è in effetti un vero e proprio natante: sono presenti anche le luci di navigazione (rosse e verdi), la tromba di segnalazione ed una luce bianca di posizione sul tetto.

È presente tuttavia anche la ruota di scorta, nel bagagliaio, come sulle auto tradizionali.
amph4
Il motore è un piccolo 4 cilindri Triumph Leyland 1.2 da 38 CV (con diversi accorgimenti per evitare grippaggi dovuti alle infiltrazioni nelle parti meccaniche) mentre la trasmissione, con cambio a quattro rapporti, può essere “accoppiata” anche con le due eliche in polimero presenti sulla parte posteriore per spingere l’Amphicar fino a 6,5 nodi (12 km/h) in acqua.
Su strada, invece, raggiunge i 120 km/h.
amph2
Come è facile immaginare, i costi di produzione erano esorbitanti ed altrettanto erano quelli di vendita : nel 1962 in Germania un’Amphicar costava più di 10.000 DM, ovvero quanto due Volkswagen Maggiolino.
amph1
Questò fu il motivo di un così basso numero di vendite : nonostante per un breve periodo prima della cessasizione dalla produzione (dal 1964 al 1965) il prezzo scese a 8385 DM, furono prodotti solo 3.878 veicoli prodotti, dei quali circa 3.000 furono esportati negli Stati Uniti (fino al 1968, anno nel quale una legge americana né vietò l’importazione, chiudendone il principale mercato)
Un’azienda Californiana né acquisì infatti i diritti e la maggior parte dei macchinari di produzione, oltre ad un grosso stock di pezzi di ricambio.
amph5
Questo “insuccesso commerciale” tuttavia può rivelarsi oggigiorno molto “fruttuoso” per qualche fortunato proprietario: oggi un esemplare può valere fino a 85.000$!
The following two tabs change content below.

Comments

comments

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi Visualizza Dettagli

https://www.google.com/about/company/user-consent-policy.html

Chiudi